Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2008

SIT-IN davanti all'Ambasciata d'Egitto - Protesta contro le deportazioni di Eritrei dall'Egitto

Venerdì, 20 giugno 2008 - ore 9.00 SIT-IN davanti all'Ambasciata d'Egitto - Protesta contro le deportazioni di Eritrei dall'Egitto




Le Comunità di rifugiati e immigrati Eritrei chiedono la collaborazione di tutti per il sit-in alle ore 09.00 davanti l'Ambasciata d'Egitto
Via Salaria 267 - "Villa Savoia"
00199 - ROMA


Perché in questi giorni il governo egiziano ha deportato circa 400 eritrei richiedenti asilo e rifugiati verso l' Eritrea.Questo fatto grave che ha messo in pericolo la vita di centinaia di cittadini eritrei, non può passare sotto silenzio. La politica del governo egiziano è anche conseguenza della politica dell'Europa sulla immigrazione. Paesi come l'Egitto sono stati delegati allo scopo di bloccare l'immigrazione "Clandestina" in nome della sicurezza europea senza minimamente considerare il rispetto dei diritti umani. In questo modo vengono condannati centinaia di profughi e rifugiati alla tortura, al carcere, ai lavor…

L'Egitto continua il rimpatri forzato degli eritrei, ora sono più di 800

L'Egitto continua il rimpatri forzato degli eritrei
Con il rimpatrio di altri 120 profughi effettuato la notte scorsa, sale a più di 800 il numero di profughi eritrei rimpatriati forzatamente dall'Egitto dall'11 di giugno ad oggi.
Amnesty e la comunità internazionale protestano, ma l'Egitto non si ferma.
In patria li aspettano torture e carcere.
Cosa succederà in Europa ed in Italia dopo la approvazione sulla direttiva di contrasto alla immigrazione?


Egypt deports more Eritreans despite UN objections
Wed 18 Jun 2008, 14:38 GMT
CAIRO (Reuters) - Egypt is continuing large-scale secret deportations of Eritrean asylum seekers despite objections by the U.N. refugee agency, which fears for their safety, Egyptian security sources said on Wednesday. They said a number of Eritreans were taken to Cairo airport in interior ministry vehicles on Tuesday night and put aboard special flights to Eritrea, but could give no further details.The ongoing deportations are the largest forced return…

Ethiopia, Eritrea risk new border war - report

campanelli di allarme
i due eserciti sono vicini, la distanza che li divide è minore della larghezza di un campo di calcio
un minimo tafferuglio può degenerare in guerra
a chi conviene questa situazione?
secondo ICG (gruupo di crisi internazonale) ai due dittatori che così mantengono il potere nei loro paesi

NAIROBI, June 17 (Reuters) - The armies of feuding Horn of Africa neighbours Ethiopia and Eritrea are "less than a football pitch" apart, risking a catastrophic new war on their border, a think-tank warned on Tuesday. The latest in a string of recent international warnings over tensions between Ethiopia and Eritrea -- who fought a 1998-2000 war that killed at least 70,000 people -- came from the Brussels-based International Crisis Group (ICG)."Neither regime wants war at present. Both prefer to keep tensions simmering, giving them an excuse to maintain authoritarian rule," ICG senior Africa adviser Andebrhan Giorgis said in a report titled "Averting New War.&qu…

EMERGENZA ALIMENTARE: "SVEGLIARSI PRIMA CHE..." (Da 'Combonifem' - MISNA)

EMERGENZA ALIMENTARE: "SVEGLIARSI PRIMA CHE..." (Da 'Combonifem')



L' emergenza "fame nel mondo" è riapparsa da alcune settimane a grandi titoli sul palcoscenico mediatico occidentale. Le maggiori istituzioni internazionali – Banca Mondiale, Fondo Monetario Internazionale, Fao, eccetera – hanno dato l'allarme e in diversi modi ricordato ai responsabili politici ed economici delle nazioni che i paradossali livelli di povertà che ancora affliggono tante popolazioni in ogni angolo della Terra sono ben lungi dall'essere dimezzati per l'anno 2015, come la benaugurante campagna degli Obiettivi di Sviluppo per il Millennio ci aveva inizialmente fatto sperare. Dall'Egitto alle Filippine, in Camerun e in Madagascar, nella città di Port-au-Prince (Haiti) e nelle periferie di Nuova Delhi (India)… si sono moltiplicate le manifestazioni popolari, da alcuni definite come vere "rivolte del pane", a causa del continuo aumento del costo della vit…

Nine dead in escalating Djibouti-Eritrea clash

DJIBOUTI, June 12 (Reuters) - Border clashes between Eritrea and Djibouti have killed 9 Djiboutian soldiers and wounded 60 others in three days of fighting between the Horn of Africa nations, a defence official said on Thursday.In the first fighting since the mid-1990s between two of Africa's smallest states, Eritrean and Djiboutian troops have exchanged fire along a part of their shared border overlooking strategic shipping lanes in the Red Sea."The fighting is still ongoing. The dead and injured are more today, up to 9 dead and 60 wounded," said a Djiboutian military official, on condition of anonymity.Djiboutian state media said the Red Sea state had captured 100 Eritrean prisoners.There was, however, no independent verification of events from the remote border area that has long been a source of tension between the two countries.Without confirming or denying the clashes, Eritrea has dismissed Djibouti's versions as "concocted animosity."The Foreign Mini…

Two dead in Djibouti-Eritrea border clash-witness

Wed 11 Jun 2008, 9:52 GMT
DJIBOUTI (Reuters) - Two Djiboutian soldiers were killed and 21 wounded when troops clashed with Eritrean forces along their border overlooking strategic Red Sea shipping lanes, Djibouti said on Wednesday.The first fighting since 1996 between Eritrea and Djibouti broke out on Tuesday after a nearly two-month standoff. Djibouti hosts French and U.S. military bases and is the main route to the sea for Eritrea's arch-foe Ethiopia.Djibouti said the clash began after Eritrean soldiers deserted and the Eritreans fired on them, prompting return fire. A second outbreak came when Eritrean soldiers later demanded their deserters back.Eritrean officials declined to comment and there was no independent confirmation.Fighting continued on Wednesday in the Mount Gabla area of northern Djibouti, Djibouti's Defence Ministry said.Also known as Ras Doumeira, it overlooks the strategic Bab al-Mandib straits, which are a major shipping route to and from Europe and the Midd…

Assurdo!!!!

Immagine
QUESTO PARLA COME SE NULLA FOSSE!!!!
IL SUO PAESE E' IN TESTA FRA I PAESI A RISCHIO CON IL 100% DI IMPORTAZIONE DI PETROLIO
L'88% DI IMPORTAZIONE DI GRANO
IL 75% (3 SU 4) DI CITTADINI SOTTONUTRITI

E LUI CHE LI HA AFFAMATI
CHE STA PORTANDO IL PAESE ALLA ROVINA
CHE STA UCCIDENDO LA SPERANZA

FA FINTA DI NIENTE

E LO LASCIANO PURE PARLARE.....


President Isaias Afwerki's speech to the FAO Conference
By
Jun 3, 2008, 14:39

Mr. Chairman,
Excellencies Heads of State and Government,
Ladies and GentlemenAllow me to express the gratitude of my delegation to FAO, and the Italian Government, for hosting this Summit and for the warm hospitality that has been accorded to us during our stay in this historic city.The gravity of the global food crisis on the offing is too obvious to merit emphasis. And that is why it has augmented, more than ever before, the imperative and urgency of an effective and collective global response. This is rightly so. Because, those who will be affected most by the curre…