Le donne fulcro e cardine dello sviluppo della famiglia


Al via il progetto di promozione della donna
Una scuola di tessitura nel villaggio di Aditekelesan” 
in Eritrea

Grazie al contributo di molti, al lavoro di tanti volontari ed al contributo di una giovane coppia di sposi di Padova, Alberto e Luana, prende concretamente il via il progetto.

Aditekelesan è un villaggio a circa 40 km a nord di Asmara. La guerra prima, la carestia poi, sono causa di un forte impoverimento, le donne del villaggio hanno una minima o inesistente istruzione e questi problemi contribuiscono a notevoli disuguaglianze: le rendono economicamente vulnerabili e non essendo istruite, non riescono a trovare lavoro.  La preoccupazione principale delle donne è la sopravvivenza, il cercare quotidiano quanto di minimo necessario per la famiglia.

UN SCUOLA DI TESSITURA PER:
Generare un piccolo reddito necessario ad una vita dignitosa
Contribuire a costruire una società migliore

Descrizione del progetto
Formare le donne affinché possano avviare una attività pro-duttiva di tessitura o trovare occupazione nel mercato del lavoro.
Il progetto prevede:
- Acquisto di 10 telai per tessitura
- Selezione di 40 donne che frequenteranno la scuola per la durata di un anno
- Formazione di quattro gruppi di 10 donne per lezioni di tre ore al giorno, mattina e pomeriggio, a giorni alterni
- Acquisto del materiale per la formazione e per la produzione della scuola
La direzione della scuola è affidata alle suore Figlie di S. Anna, le due insegnanti per il primo anno verranno da esperienze simili effettuate dalle suore in altri villaggi.
Il programma formativo prevede che dopo i primi quattro mesi, i prodotti realizzati nei mesi successivi siano posti in vendita alla fine del corso al fine di trovare le risorse per iniziare la produzione dei capi di abbigliamento. Verranno prodotte tipiche sciarpe e teli eritrei usati dalla popolazione locale come capi di abbigliamento.
Avviare una produzione di capi di abbigliamento locale mediante la formazione di nuclei produttivi.
Al termine della scuola verrà favorita la formazione di due gruppi produttivi formati ciascuno da almeno cinque donne, che continuino la produzione di capi di abbigliamento.
Verrà avviato così un ciclo virtuoso che oltre a favorire l’avvio di piccole attività che consentano il sostentamento delle famiglie, coinvolgano le donne del villaggio nella formazione di altre donne alla attività di tessitura e consentano il proseguio della attività di formazione.

Su questo sito gli aggiornamenti ed il monitoraggio del progetto.

Per saperne di più, per partecipare, per rimanere informati info@chebi.it

Post popolari in questo blog

L'odissea degli ultimi. Libia, nuove cronache dall'orrore

Chiesa Eritrea: digiuno e preghiera per la chiusura degli ospedali cattolici

Libia. Torture nei campi di detenzione: le nuove immagini choc