Ma quanti morti ancora serviranno per farci aprire gli occhi?

Disperazione, rabbia, impotenza.
I sentimenti che ci assalgono davanti alla ennesima immane tragedia di Lampedusa.
Ma quanti morti ancora serviranno per farci aprire gli occhi?
Quanti disperati dovranno ancora bussare alla nostre porte per svegliarci dal torpore in cui viviamo tutti i giorni pur essendo convinti di essere svegli e protagonisti del nostro essere?
Disperazione.
Non ci rendiamo conto di quanto siamo stati fortunati a nascere qui. Si proprio fortunati.
Ancora morti eritrei, ancora morti ….. Chi pagherà per questo sangue?



Si scappa dall’Eritrea, qualcuno fra i “giornalai” che  affollano le tv per commentare il fatto che da quel paese si scappi, diceva che in Eritrea c’è la guerra. Ignoranti!!! La guerra è ormai finita nel 2000, sono altri i motivi che portano a scappare tanti giovani da quel paese, dove la popolazione non arriva a quattro milioni e mezzo, ed eppure è un territorio più grande dell’Italia.
Scappavano prima verso la Libia fino alla  disgraziata nostra legge “Bossi/Fini” che li ha costretti poi a dirigersi verso il Sinai dove uomini e donne eritrei sono morti nel raccapricciante traffico di organi, ed ora ancora verso la Libia.
Non voglio commentare qui il motivo che li costringe a lasciare il paese, ogni Paese è sovrano ed ha il diritto di scegliere come impostare la propria quotidianità.
La certezza è che quei giovani, quelle donne quando scappano sanno a cosa vanno incontro, sanno del deserto da attraversare, sanno della Libia o del Sinai dove ancora si muore, sanno dei mercanti di uomini, sanno dei rischi del mare. Eppure scappano.
Quanti morti ancora serviranno a farci aprire gli occhi?
Se non possiamo intervenire nel Paese perché sovrano o perché a differenza di Siria, Libia, Egitto, Tunisia, non si combatte alcuna guerra (ed allora non c’è da vendere armi), dobbiamo aprire corridoi umanitari per accogliere questi disperati, queste donne, questi uomini che cercano una vita LIBERA.
Ieri sera ho chiamato un’amica eritrea, non aveva più lacrime, non aveva più voce…. così come quelle  mamme, quelle moglie, qui padri che non vedranno più tornare i propri figli.
Cosa possiamo fare?
Parlarne, parlane non solo oggi o quando capiterà la prossima disgrazia, perché le leggi disgraziate, volute da un governo disgraziato che ci ha portati in questa vergogna, cambino e si aprano corridoi umanitari per accogliere chi ha fame e sete di giustizia, chi per un puro caso è stato meno fortunato di noi ed è nato in un’altra parte del mondo dove la fame e la sete sono la quotidianità.
Quanti morti ancora serviranno per farci aprire gli occhi, per toglierci dall’avvitamento su noi stessi a cui ci hanno portato gli ultimi venti anni di nani e ballerine?
Preghiamo perché il Signore illumini i nostri governanti ed i governanti di quei paesi da cui la gente fugge, perché lavorino davvero per il bene del popolo a loro affidato!
E noi? Accogliamo, apriamo le braccia.

Respingiamo le frasi che ci hanno inculcato negli ultimi anni “non c’è lavoro nemmeno per noi” “vengono a rubarci il lavoro” “stiano a casa loro”, ed apriamoci alla solidarietà, all’urlo di questi fratelli e sorelle che continuano a bussare alla nostre porte.  Dove mangiamo in due, si può mangiare anche in quattro se non in cinque o sei!

Post popolari in questo blog

L'odissea degli ultimi. Libia, nuove cronache dall'orrore

Chiesa Eritrea: digiuno e preghiera per la chiusura degli ospedali cattolici

Libia. Torture nei campi di detenzione: le nuove immagini choc